Category:

Stile e design unici

Febbraio 14th, 2020 by

Sul nostro Dufour560 exclusive “Friska” è stato appena installato il nuovo microonde: stile e design unici che contraddistinguono YiS!

Boot Duesseldorf 2020

Gennaio 16th, 2020 by

Tantissime interessanti novità attendono i visitatori al prossimo salone nautico di Düsseldorf a gennaio. Ciò che è già sotto gli occhi di tutti e che è stata quasi completata è la costruzione della luminosa, nuova e spaziosa Hall 1 proprio accanto alla torre Messe Düsseldorf. Il nuovo layout dedicato alle aree espositive al salone 2020 è stato finora visibile solo sulla mappa della sala. La più grande fiera di nautica del mondo si svolgerà con un nuovo layout, offrendo ai visitatori un interessante percorso di visita e l’accesso diretto alle specifiche aree di interesse.

PRIMA MONDIALE

BALI CATSPACE & DUFOUR 530

🎅⛵⛵La famiglia cresce!⛵⛵ 🎁

Dicembre 19th, 2019 by

Questo Natale porterà in casa YiS 4 nuove imbarcazioni che si uniscono alla flotta.

Oltre al collaudato Duf 430, si aggiungono tre grandi novità: il nuovo Bali Catspace, che sarà presentato per la prima votla al salone nautico di Duesseldorf a Gennaio, l’Astréa 42 ed il nuovissimo Dufour 530, unico nel Mediterraneo, con un layout mai visto.

Visitate la nostra flotta per avere un’anteprima!

Speciale Dufour 460

Dicembre 5th, 2019 by

Sulla scia del successo ottenuto a novembre, la campagna Special Dufour 460 continua fino al 15 dicembre!

Non perdere l’occasione di regalare un fantastico regalo di Natale a te , alla tua famiglia e ai tuoi amici! Il 15% di sconto verrà applicato su tutti i Dufour 460 in flotta: scegli tra i 4 cabine Rubia, Sennora & At Last o punta in alto con i nuovi 5 cabine Newt & Abraxan.

La Sardegna non è mai stata così a portata di mare!

Salone Nautico Parigi 2019

Dicembre 3rd, 2019 by

Come ogni anno, il Nautic Paris Boat Show apre le sue porte dal 7 al 15 dicembre a tutti gli amanti del mare, operatori nautici e velisti, adulti e bambini.

Saranno presenti i più importanti cantieri, tra cui spiccano in prima fila  Dufour, Jeanneau e Beneteau,  che presenteranno in anteprima linee e forme innovative per la stagione 2020. Barche a vela, barche a motore, barche a energia solare, sport acquatici, attrezzature, servizi, noleggio, turismo, saranno tutte ben rappresentate alla fiera.

Questo è uno dei principali eventi internazionali in Europa, dove 785 espositori provenienti da 25 paesi accoglieranno oltre 200.000 visitatori in 90.000 mq di spazio.

Non sarà solo l’occasione per parlare di yacht, poiché la programmazione è molto ricca e comprende l’annuale Nautic SUP Paris (che attraversa la Senna per 15 km), conferenze, mostre e cerimonie di premiazione quali il “Nautic Motor Boat Design Award” e il premio per il miglior libro di nautica.

 

 

 

 

 

 

💘⛵️INCREDIBILE: scopri con un click come diventare SKIPPER!

Novembre 14th, 2019 by

Siamo lieti di annunciare la nostra collaborazione con la  ”Swiss Maritime Academy ”, che sta lanciando il nuovo corso SMA Milebuilder PLUS anche in Sardegna. Il corso combina allenamento con skipper professionista per la durata di 2 giorni e successivamente accumulo miglia per 3-4 giorni di navigazione (tra le 300 e 400 miglia a seconda delle condizioni meteo) sotto la guida di un istruttore RYA esperto della SMA.

Un’esperienza unica organizzata da YiS!

Cosa aspetti a iscriverti?

 

Il corso è a numero CHIUSO:

saranno ammessi i primi 20 partecipanti che completeranno l’iscrizione tramite deposito di €850. Vitto e alloggio a bordo sono inclusi.

Se superi l’esame finale

il corso te lo offriamo noi e ti garantiamo due settimane di ingaggio per la stagione 2020!

 

Contenuti del corso 

  • Sicurezza a bordo
  • Manovre di ancoraggio e di attracco in porto
  • Navigare in modo efficiente
  • Prepararsi per un tratto particolare (es passaggio canale)
  • Pianificare un passaggio
  • Skipperaggio di uno yacht durante un passaggio
  • Navigazione a vista
  • Gestione dell’equipaggio
  • Navigazione senza GPS
  • Tutti i partecipanti copriranno tutti i ruoli

Prerequisiti:

  • Invio CV
  • conoscenza della lingua inglese di livello non inferiore al B2
  • capacità di relazionarsi col pubblico
  • Patente nautica Vela/Motore

 

SCEGLI LE DATE*

 

21-27 Marzo 2020

28 Marzo- 03 Aprile 2020

Voli diretti su Olbia da Roma e Milano, siamo a soli 20 minuti dall’aeroporto!

 

Manda la tua candidatura a : Skipperpro@yiss.it

 

Ricerca & Innovazione

Novembre 12th, 2019 by

Come rivoluzionare un Dufour 460

Commissionato allo Studio Felci Yacht,  stiamo sviluppando un prototipo di Hard Top che consentirà di rendere il pozzetto del Dufour 460 molto più vivibile.

ICE Vienna 2019

Novembre 8th, 2019 by

Dal 7 al 10 Novembre  Vienna aprirà nuovi orizzonti per gli operatori di flotte del mondo.

Vienna ICE è una fiera unica al mondo che riunisce tutte le principali società di charter, agenzie, cantieri navali e molti altri fornitori del settore dei charter di yacht provenienti da diversi paesi del mondo.

ICE si differenzia per la sua possibilità di tenere oltre quattromila riunioni B2B in un fine settimana, incoraggiando la comunicazione personale in relazione al tasso sempre crescente di comunicazione elettronica di oggi.

ICE accentua il potere delle riunioni personali. Come unico luogo in cui le parti interessate si incontrano e negoziano di persona, ha acquisito lealtà ed è diventato un evento inevitabile per la comunità dei charter di yacht.

 

Legionari 2019, il team YIS presente anche a questa edizione

Ottobre 26th, 2019 by

Il team YIS al termine di un’intensa stagione di charter, si prepara per l’edizione 2019 della regata dei Legionari dove, anche quest’anno, diversi equipaggi Sardi si daranno battaglia nel golfo di Cugnana.

L’imbarcazione scelta è il recentissimo Dufour 56 EXCLUSIVE Friska, una super barca che rappresenta il top della nostra flotta in termini di abitabilità e prestazioni al tempo stesso.

La voglia di prepararsi e partecipare alla regata, rappresenta lo spirito di un team che se pur giovanissimo, sta dimostrando che, con voglia di crescere e tanto impegno, si possono conseguire grandi obiettivi.

Un ringraziamento speciale ai vertici della società nelle persone di Francesco e Monica in qualità di armatori che, ogni anno, mettono a disposizione le imbarcazioni per il proprio team; al nostro base manager Valerio, sempre pronto a supportarci in questo tipo di attività; al nostro esperto velico Giorgio, anche lui arrivato da poco ma con tanta voglia di trasmetterci la passione per la vela e, per finire ma non ultimo, un grazie speciale a tutto il team YIS e agli amici che renderanno possibile questa grande festa con il loro impegno e partecipazione.

Il team YIS vi aspetta per questa grande festa della vela Domenica, 27 Ottobre, presso la marina di Porto Rotondo: il divertimento è assicurato!

40th Rolex Middle Sea Race, La Regata!

Ottobre 24th, 2019 by

40th Rolex Middle Sea Race, La Regata!

By: Stefano Pelizza

113 barche alla partenza, provenienti da tutta Europa e non solo. 606 miglia da percorrere, nella zona più suggestiva del Mediterraneo. Malta, lo stretto di Messina, le Eolie, le Egadi, Pantelleria, Lampedusa e arrivo nuovamente a Malta. Probabilmente, come regata, è seconda solo al Fastnet, al quale quest’anno ho avuto la fortuna di partecipare con il Cookson 50 Endlessgame, lo è seconda per partecipazione e per storia, ma certamente non per spettacolarità e difficoltà.

Per la 40th edizione sono salito a bordo dell’ICE 52 Primavista di proprietà Yachting in Sardinia Shipping. Skipper dell’imbarcazione, Gabriele Bruni, che per un imprevisto dell’ultimo momento non ha potuto partecipare ed ha lasciato il comando a Pietro D’Alì.

Seguo le previsioni da quattro giorni prima della partenza, e sono abbastanza inusuali, un flusso di SE sul mediterraneo meridionale dovuto ad una bassa pressione centrata sulle Baleari e in lento movimento verso Est. Tutta la regata sarà poi dominata dal vento di Scirocco, prima molto leggero, fino a Messina, poi molto instabile, fino alle Egadi, ed infine, irruento, fino quasi ad intensità di burrasca, di bolina, per le ultime 240 miglia. Il vento leggero, in poppa, non ci favorisce, Primavista, è una splendida barca da crociera regata, ma con poco vento in poppa le barche più invelate e leggere sono favorite.

La partenza della regata, dalla baia della Valletta, è uno spettacolo indimenticabile, il colpo di cannone rimbomba tra le mura della città, le barche, quasi immobili, tagliano la linea di partenza e incominciano a incrociarsi stancamente per uscire dalla baia. Il vento, tre o quattro nodi al massimo, arriva dall’ingresso della baia e ci costringe alla bolina. Percorso a fatica il breve tratto tra le due boe Rolex, mettiamo finalmente la prua verso Capo Passero. Il vento leggerissimo non ci aiuta, dobbiamo fare la prima scelta: Secondo le previsioni una zona di calma totale si situa tra capo Passero e Malta, attraversarla o girarci intorno? Attendo le ultimissime informazioni meteo, poi decidiamo, girare attorno alla bolla è troppo pericoloso, anche se secondo le previsioni di rotta c’è un vantaggio, preferiamo avvicinarci quanto prima alla Sicilia e cercare la brezza di terra. La troviamo verso le 2 di notte e ci dà una bella spinta verso nord. Ci allontaniamo da terra al mattino, quando la brezza di levante, rinforzata dai venti di caduta dall’Etna, ci spinge diretti verso lo stretto e ci fa mettere il jib top per un paio d’ore. Passato l’Etna, alziamo il gennaker, e incominciamo a bordeggiare strambando. Da Est rientra in gioco Black Pearl, velocissimo Carkeek 47 che ha tentato l’opzione di contornare la bolla di poco vento, ci passa d’avanti di un paio di miglia, avercelo così vicino ci conferma che l’opzione Est non ha pagato. Nel frattempo il vento sale leggermente e noi ci avviciniamo allo Swan 42 Be wild, nella prima parte della regata, con pochissimo vento, sono stati più veloci, ma nello stretto lo riusciamo a passare. Messina si rivela al solito complicata, purtroppo usciamo con corrente contraria, e siamo costretti a bordeggiare rasente gli scogli, per ridurre quanto possibile la corrente. Ci avviciniamo a Stromboli e si fa sera, strambiamo più volte e ci mettiamo dalla parte corretta rispetto alla rotazione del vento a NE. Al buio, con uno spicchio di luna, passiamo Stromboli, e rimaniamo incantati dagli sbuffi rossi del Vulcano. Ci immaginiamo per un momento gli antichi Greci, che senza strumenti e conoscenze vedevano questo spettacolo e omaggiavano il dio Vulcano. Passata Stromboli la regata riprende il sopravvento, dobbiamo affrontare il tratto più difficile, fino alle Egadi, dove non possiamo sapere la posizione degli avversari non avendo un satellitare a bordo e le scelte tattiche si aprono molto. Purtroppo non tutti tengono L’AIS acceso, oppure lo hanno mal funzionante, anche se questo è un obbligo sancito dalle istruzione di regata. Ad ogni modo, vediamo che parte delle imbarcazioni davanti e più veloci di noi decidono di portarsi più a Nord, per evitare il poco vento sulla rotta diretta. Noi decidiamo di attraversare la bolla di bonaccia e di navigare sempre sul miglior avvicinamento. Il vento leggerissimo, non ci aiuta, non sappiamo dove sono gli altri e siamo in apprensione. Sappiamo bene che in questo lato ci si gioca la regata. Dalle Egadi in poi ci saranno meno opzioni tattiche.

Avvicinandoci a San Vito lo Capo tiriamo le somme, qui si vede quale opzione ha pagato. Sull’AIS cominciano a comparire le barche, vediamo il Kuka 3, poi l’altro Cookson 50 Riff Raff, Black Pearl di nuovo, tutti che ci sorpassano a gran velocità verso San Vito. La scelta fatta finora è stata ottima. A San Vito, un calo di vento previsto ci rallenta un poco, le barche più agili passano meglio ma portiamo pazienza e riusciamo ad uscirne a sera inoltrata, ci mettiamo quindi di bolina. Le previsioni meteo sono confermate anche se l’intensità del vento è inferiore rispetto a quanto previsto inizialmente, saremo di bordo fino a Pantelleria, per fare un po’ di Bordeggio verso Lampedusa, e di nuovo di bordo fino a Malta. Entrati nel ridosso di Pantelleria mettiamo il fiocco #3, lo terremo fino a poco prima di Malta. Il vento, sale fino a 25 nodi, ma consci delle previsioni evitiamo di cambiare vela e mettere il #4, sappiamo che a breve scenderà.

A bordo la vita diventa difficile, chi sta male, pochi mangiano, ma in bolina, tutto sommato, è normale, purtroppo la regata non ci ha riservato le meravigliose planate dello scorso anno. Arriviamo a Malta il mattino del 23. Il vento in calo, rimettiamo il fiocco #2, e percorriamo le ultime miglia bordeggiando sotto costa, assieme ad un Volvo 70 che si deve essere attardato in bonaccia e ci supera veloce a poche miglia dall’arrivo. Dietro di noi, come un’ombra per tutta la regata, il Mylius Daguet2 del quale siamo riusciti a contenere gli attacchi. Finiamo primi di classe, e sesti in classifica generale. Davanti a noi tutte imbarcazioni più piccole, mentre i racer questa volta sono arrivati dietro.